Top nav

Wonderpus octopus on sandy bottom

Tesi contro lo specismo

Chiedersi se si debbano o meno favorire gli interessi degli esseri umani rispetto a quelli degli animali non umani è la domanda fondamentale che fa da fulcro a tutto il concetto di etica degli animali. La posizione secondo cui è necessario favorire gli interessi umani è stata fortemente criticata in quanto specista. Ulteriori informazioni sulla questione si possono trovare nella sezione relativa allo specismo.

Il pensiero secondo cui dovremmo favorire gli umani rispetto agli animali e, quindi, trattare i non umani in modi meno vantaggiosi, è stato difeso in molti modi diversi:

  • Affermando semplicemente che dovremmo agire in quel modo, senza obiettare nulla alla teoria che sta alla base.1
  • Sostenendo che gli umani si trovano in una posizione avvantaggiata per ragioni che non possono essere avvalorate in alcun modo.2
  • Ritenendo che gli umani hanno certe capacità speciali che è dimostrato che non appartengano ai non umani.3
  • Affermando che gli umani hanno certe relazioni speciali tra loro che è dimostrato che non si verifichino tra i non umani.4

Alle affermazioni sopra elencate è stato risposto così:

  • Se accettiamo un punto di vista imparziale, dobbiamo rifiutare il fatto che i non umani vengano considerati in maniera svantaggiata.
  • Differenze di trattamento per motivi arbitrari non sono accettabili.
  • I motivi a sostegno della parziale considerazione degli animali non umani, in certi casi, si possono applicare anche ad alcuni esseri umani.
  • I motivi a sostegno della parziale considerazione degli animali non umani non sono moralmente rilevanti.

Ai link seguenti viene spiegata nel dettaglio la struttura di questi argomenti:

L’argomento di imparzialità

L’argomento contro la petitio principii

L’argomento per la sovrapposizione delle specie

L’argomento di rilevanza


 

1  Gaita, R. (2003) The philosopher’s dog: Friendships with animals, London: Routledge. Posner, R. (2004) “Animal rights: Legal, philosophical and pragmatical perspectives”, in Sunstein, C. & Nussbaum, M. (eds.) Animal rights: Current debates and new directions, Oxford: Oxford University Press, pp. 51-77.

2  Harrison, P. (1989) “Theodicy and animal pain”, Philosophy, 64, pp. 79-92. Reichmann, J. B. (2000) Evolution, animal ‘rights’ and the environment, Washington: The Catholic University of America Press.

3  Carruthers, P. (1992) The animal issue: Moral theory in practice, Cambridge: Cambridge University Press. Ferry, L. (1996 [1992]) Il nuovo ordine ecologico: L’albero, l’animale e l’uomo, Milano: Costa & Nolan. Frey, R. G. (1980) Interests and rights: The case against animals, Oxford: Oxford University Press. Leahy, M. P. T. (1991) Against liberation: Putting animals in perspective, London: Routledge.

4  Goldman, M. (2001) “A trascendental defense of speciesism”, Journal of Value Inquiry, 33, pp. 59-69. Midgley, M. (1983) Animals and why they matter, Athens: University Georgia Press. Mosterín, J. (1998) ¡Vivan los animales!, Madrid: Debate. Næss, A. (1989) Ecology, community and lifestyle, Cambridge: Cambridge University Press. Petrinovich, L. (1999) Darwinian dominion: Animal welfare and human interests, Massachusetts: MIT Press.

Top nav