Top nav

Cinque anni dalla Dichiarazione di Cambridge sulla Coscienza

Cambridge Declaration on Consciousness

Cinque anni fa, nel luglio 2012, un illustre gruppo di scienziati firmò la Dichiarazione di Cambridge sulla Coscienza. Tale dichiarazione afferma che non solo gli umani, ma anche un numero significativo di animali (tra cui non solo vertebrati ma anche molti invertebrati) sono esseri coscienti.

Ciò significa che essi sono senzienti, ossia consapevoli di quello che accade loro: possiedono stati mentali che possono essere positivi o negativi.

Le prove a favore di tale affermazione sono schiaccianti. Come la dichiarazione stessa afferma:

L’assenza di una neocorteccia non sembra precludere ad un organismo l’esperienza di stati affettivi. Prove convergenti indicano che animali non-umani possiedono i substrati neuroanatomici, neurochimici e neurofisiologici degli stati consci assieme alla capacità di esibire comportamenti intenzionali. Conseguentemente, il peso delle prove indica che gli umani non sono unici nel possedere i substrati che generano la coscienza. Gli animali non-umani, inclusi tutti i mammiferi e gli uccelli, e molte altre creature, compresi i polpi, anch’essi possiedono tali substrati neurologici.”

Ciò è molto importante perché la capacità di vivere esperienze positive o negative è ciò che rende un essere vivente vulnerabile. Ci sono ottime ragioni per concludere che questo è ciò che fa la differenza quando si rivolge a qualcuno una considerazione di tipo morale, senza fare discriminazioni.

To be sure, all the evidence concluding that nonhuman animals are sentient was there already before the Cambridge Declaration on Consciousness was proclaimed in 2012. However, this declaration made it possible to state beyond reasonable objections that there is a (long overdue) scientific consensus about this issue. This is what made this declaration so important.

Potete leggerne l’intero testo qui:

Dichiarazione di Cambridge sulla Coscienza

Cinque anni sono pochi, certo, ma in questo arco di tempo si è lavorato molto in difesa degli animali non umani e sono state fornite diverse spiegazioni riguardo all’idea che essi siano pienamente senzienti (per esempio, Animal Ethics è nata dopo la dichiarazione: operiamo in tale ambito solo da pochi anni). Il rifiuto nei confronti della coscienza animale sta iniziando a venire considerato solo come altri punti di vista che cercano di negare concetti sui quali c’è un vero e proprio consenso scientifico, come l’evoluzione in storia naturale. Speriamo che vengano fatti ulteriori progressi in materia nei prossimi anni e che la coscienza animale venga considerata una questione importante.


Fonti

Allen, C. & Bekoff, M. (1997) Species of mind, Cambridge: MIT Press.

Allen, C. (2004) “Animal pain”, Noûs, 38, pp. 617-643.

Baars, B. J. (2001) “There are no known differences in brain mechanisms of consciousness between humans and other mammals”, Animal Welfare, 10, pp. 31-40.

Braithwaite, V. A. (2010) Do fish feel pain?, Oxford: Oxford University Press.

DeGrazia, D. (1996) Taking animals seriously: Mental life & moral status, Cambridge: Cambridge University Press, ch. 5.

Edelman D. & Seth, A. (2009) “Animal consciousness: A synthetic approach”, Trends in Neuroscience, 9, pp. 476-484.

Elwood, R. W. & Appel, M. (2009) “Pain experience in hermit crabs?”, Animal Behaviour, 77, pp. 1243-1246.

Fiorito, G. (1986) “Is there ‘pain’ in invertebrates?”, Behavioural Processes, 12, pp. 383-388.

Gentle, M. J. (1992) “Pain in birds”, Animal Welfare, 1, pp. 235-247.

Gherardi, F. (2009) “Behavioural indicators of pain in crustacean decapods”, Annali dell´Istituto Superiore di Sanita, 45, pp. 432-438.

Glock, H. (2000) “Animals, thoughts and concepts”, Synthese, 123, pp. 35-64.

Griffin, D. R. (1981) The question of animal awareness, Los Altos: William Kaufman.

Griffin, D. R. (2001) Animal minds: Beyond cognition to consciousness, Chicago: Chicago University Press.

Huffard, C. L. (2013) “Cephalopod neurobiology: An introduction for biologists working in other model systems”, Invertebrate Neuroscience, 13, pp. 11-18.

Kamenos, N. A.; Calosi, P. & Moore, P. P. (2006) “Substratum-mediated heart rate responses of an invertebrate to predation threat”, Animal Behaviour, 71, pp. 809-813.

Kirkwood, J. K. & Hubrecht, R. (2001) “Animal consciousness, cognition and welfare”, Animal Welfare, 10, pp. 5-17.

Knutsson, S. (2015a) The moral importance of small animals, Tesi di laurea magistrale, Gothenburg: University of Gothenburg [accesso: 4 gennaio 2016].

Lurz, R. W. (ed.) (2009) Philosophy of animal minds: New essays on animal thought and consciousness, Cambridge: Cambridge University Press.

Mather, J. A. (2001) “Animal suffering: An invertebrate perspective”, Journal of Applied Animal Welfare Science, 4, pp. 151-156.

Mather, J. A. (2008) “Cephalopod consciousness: Behavioral evidence”, Consciousness and Cognition, 17, pp. 37-48.

Nagel, T. (1974) “What is it like to be a bat?”, Philosophical Review, 83, pp. 435-450.

Panksepp, J. (2004) Affective neuroscience: The foundations of human and animal emotions, New York: Oxford University Press.

Radner, D. & Radner, M. (1986) Animal consciousness, New York: Prometheus.

Robinson, W. S. (1997) “Some nonhuman animals can have pains in a morally relevant sense”, Biology and Philosophy, 12, pp. 51-71.

Rollin, B. E. (1989) The unheeded cry: Animal consciousness, animal pain and science, Oxford: Oxford University Press.

Sherwin, C. M. (2001) “Can invertebrates suffer? Or, how robust is argument-by-analogy?”, Animal Welfare, 10, pp. 103-118.

Tye, M. (2017) Tense bees and shell-shocked crabs: Are animals conscious?, New York: Oxford University Press.

Comments are closed.

Top nav